LA MANOVRA DEL GOVERNO 2023

Superbonus

Il superbonus, nel 2024, scende al 70% (e addirittura al 65% nel 2025, che sarà anche l’ultimo anno in cui si potrà usufruire dell’agevolazione). Dopo innumerevoli colpi di scena, non è arrivato l’accordo per inserire nella Manovra 2024 la proroga per gli interventi agevolabili al 90 e 110%.

Tuttavia, un decreto ad hoc dovrebbe prevedere che, per i cantieri avviati nel rispetto dei termini relativi alla normativa sul “Superbonus 110%”, sarà riconosciuto il credito d’imposta per tutti lavori realizzati e asseverati al 31 dicembre 2023; per le opere ancora da effettuare, a partire dal 1° gennaio 2024 si confermano le percentuali previste a legislazione vigente (ovvero la detrazione al 70%).

Sempre lo stesso articolo, prevede che per i cantieri che abbiano raggiunto uno stato di avanzamento dei lavori non inferiore al 60% al 31 dicembre 2023 è previsto uno specifico contributo, riservato ai percettori di redditi inferiori a 15.000 euro, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio 2024 al 31 ottobre 2024.

Mutui prima casa

La Manovra 2024 aumenta la dotazione per il Fondo di garanzia destinato ai mutui per la prima casa: mutui 282 milioni di euro. Nel dettaglio, per l’anno 2024, le agevolazioni per l’acquisto della casa di abitazione da parte di famiglie numerose, spettano in presenza di determinati requisiti:

  • nuclei familiari che includono tre figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 40mila euro annui;
  • nuclei familiari che includono quattro figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 45mila euro annui;
  • nuclei familiari che includono cinque o più figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 50mila euro annui.

La garanzia del Fondo è rilasciata nella misura massima dell’80% della quota capitale nei casi di famiglie con tre figli, dell’85% della quota capitale per i nuclei con quattro figli e del 90% nel caso di famiglie con cinque o più figli.

Affitti brevi

La Manovra 2024 introduce anche una cedolare secca più cara per gli affitti brevi ma, dopo un lungo tira e molla, la misura interviene solo per i possessori di due o più immobili. Se viene affittato in locazione breve un solo immobile, infatti, viene applicata l’aliquota al 21%; se sono concessi in locazione breve più immobili, su uno (a scelta del contribuente) si applica l’aliquota del 21% mentre sugli altri si applica il 26%. Se le unità concesse in locazione breve sono più di quattro l’attività si intende svolta in forma imprenditoriale e, quindi, nessuna cedolare secca può essere applicata.

Join The Discussion

Compare listings

Compare

CONTATTACI ×

Contattaci per maggiori informazioni